• brunapicchi16@gmail.com

Il blog personale: obiettivi per il 2018

obiettivi per il 2018 del blog personale

Il blog personale: obiettivi per il 2018

Il blog personale è un bella avventura, sempre. Insieme abbiamo visto che aprire un blog è semplice, per lo meno all’inizio, ma in corso d’opera le cose si fanno via via più complesse. Comunque vada, l’importante è non perdere di vista l’obiettivo: bisogna sempre fissare uno scopo e stabilire una strategia per raggiungerlo. Se la via per perseguire gli obiettivi del blog personale è tortuosa non ha grossa importanza. È meglio, anzi, altrimenti che divertimento ci sarebbe?

Gli obiettivi del mio blog personale per il 2018

Questo blog è nato pochi mesi fa ed è l’equivalente di un poppante. Deve ancora essere “svezzato” e non vedo l’ora di farlo. È forse la fase di lavoro più complessa: bisogna lavorare tanto, studiare, coltivare relazioni e conoscenze, impegnarsi a farle fruttare.

Qualunque sia l’obiettivo finale di un blog personale, ci vogliono competenza, passione e pazienza.

Sì, l’ultima cosa che ho scritto sa tanto di frasette motivazionali, corredate spesso dai blogger con finti sorrisi, cuoricini e un pizzico di filosofia spicciola. Tolto che sono cose che hanno molto successo in rete, cominciamo a mettere le cose in chiaro: non sono quel genere di web writer/blogger. Non amo parlare del mio lavoro in certi termini, per lo meno senza spiegare le ragioni che mi portano ad affermare perché questo blog personale ha bisogno di competenza, pazienza e passione. Noi non vogliamo accontentarci delle frasi fatte, vero?

Le competenze da acquisire per gestire un blog

Prima di tutto, ricordiamo una cosa fondamentale: sei nel blog di una web writer. Ci sono conoscenze che un web writer/blogger deve possedere: principi base del marketing, della scrittura sul web e della SEO. Quando la base l’hai ormai acquisita, devi andare oltre e approfondire, per i seguenti motivi:

  • la scrittura è una questione di pratica;
  • il mondo del web cambia velocemente;

Per capirci meglio, i miei obiettivi personali riguardano prima di tutto l’acquisizione di nuove conoscenze. Il blog ha ragion d’essere se riesce a dimostrare le competenze possedute, trasmettere la passione nutrita e il senso che il lavoro ha nell’ambito della comunicazione digitale. Il blog personale sarà quindi lo strumento privilegiato per comunicare il lavoro del web writer sul web.

Tone of voice, SEO e relazioni

Chiariamo un punto: il web writer è molto più di un blogger. L’attività di blogging è una parte del lavoro di chi si occupa della scrittura sul web e per tale ragione deve scrivere tanto e di tante cose. Certo, nel tempo ci si può specializzare in un settore o in pochi settori specifici, ma la migliore scuola prevede di fare pratica in diversi ambiti.

L’abilità di un web writer deve essere quella di scegliere stile e lessico adeguati al pubblico per cui si scrive. Bisogna farsi le ossa per imparare a usare diversi tone of voice.

Non si tratta di studiare un manuale: si tratta semplicemente di scrivere. Inoltre, visto che il mondo del web muta con velocità, bisogna saper scrivere bene. Al momento attuale, nascono nuovi social network e ne muoiono altri, mentre i più affermati – Facebook, Instagram, Twitter, ecc – sono in continuo aggiornamento, insidiando i gestori delle pagine e degli account business.

Scrivere bene cosa significa, allora? Conoscere meglio la SEO. Questo può bastare? Certo che no. Bisogna puntare a una scrittura naturale e sulla spontaneità delle interazioni virtuali.

Le persone – i miei e i tuoi potenziali clienti – si stufano in fretta dei social e, a breve, effettueranno ricerche vocali su Google. Bisognerà attrezzarsi per lavorare sempre meglio sull’analisi delle ricerche degli utenti e non dimenticare mai che essi sono bombardati da post e articoli sponsorizzati. Con la parola “sponsorizzazione” apro un mondo, ma non è ora il momento di scoperchiare il vado di Pandora. Il punto è che solo l’interazione spontanea e curata tra gli utenti rende il legame virtuale una relazione interessante, stabile e di fiducia.

Ci tengo tantissimo alla spontaneità, anche se sappiamo bene che nell’universo della virtualità spesso tutto si riduce a un do ut des. D’altra parte, farsi conoscere e conoscere cose/persone nuove è possibile solo se siamo in grado di selezionare i contatti con cui intessere relazioni, sappiamo riconoscere i contenuti di valore e apprezzarli per imparare qualcosa, se riusciamo a farci notare in modo onesto al fine di trasmettere diverse forme di sapere. Ecco perché i miei obiettivi del 2018 ruotano prima di tutto attorno alle relazioni, trasparenti e feconde.

Il blog personale sarà ancora una volta un banco di prova e il mezzo migliore per comunicare nel mondo del web. E per te cosa rappresenterà questo strumento digitale, durante il 2018? In che modo lo utilizzerai per farti conoscere e comunicare? Scrivimelo nei commenti, se ti va. A presto!

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!
Bruna

5 pensieri su “Il blog personale: obiettivi per il 2018

Stefania CiocconiPubblicato in data4:23 pm - Dic 6, 2017

In bocca al lupo per il tuo nuovo progetto. Io ho già fatto tanti piani per il 2018 e spero almeno diverse cose vadano a buone fine 🙂

SerenaPubblicato in data5:53 pm - Dic 8, 2017

Il mio blog è per me un modo per raccontare i miei viaggi,che sono parte integrante della mia vita da nomade.solo nomade non “nomade digitale”😂sì perché io viaggio,mi fermo da qualche parte,lavoro e poi riparto. Il blog non è una fonte di guadagno ma il mio modo di cndividere quella che da anni è la mia vita; è un mezzo per far trovare informazioni su posti che a volte non sono tra i più chiaccherati sul web e su altri invece più commerciali dare la mia versione della storia. Io sono molto indietro dal punto di vista tecnico e scrivendo in viaggio per la maggior parte del mio tempo a volte devo un po’ arrangiarmi. Nonostante ciò, questo piccolo mostricciattolo di blog mi da comunque soddisfazione! Non parlo di numeri ne di denaro, ma di molto altro!😉sono consapevole che per raggiungere livelli alti dovrei studiare molto di più di quello che ho fatto e elaborare piani molto più tecnici, ma non sarei più io! Io sono sicuramente più viaggiatrice che blogger😉 e non potrei mai andare contro la mia natura! Il blog per me è uno strumento di comunicazione che adoro e nel 2018 spero di raccontare ancora di nuove mete,cercando di migliorarmi con l’esperienza e grazie alla lettura di altri blog,perché anche dagli altri si impara tanto!😊

    BrunaPubblicato in data6:02 pm - Dic 8, 2017

    Serena, ciò che conta è prima di tutto la motivazione che si nutre nel fare le cose e la soddisfazione che se ne ricava. Se ti piace avere un blog, continua a scriverlo! Grazie per il tuo commento ^_^

vagabondelePubblicato in data11:35 pm - Dic 8, 2017

Mentre leggevo il tuo post mi è tornato in mente la motivazione che mi ha spinto ad​ aprire il mio.. nessuna velleità di emergere, solo il voler tener a mente le mie esperienze vissute.. nessuna strategia, tante letture più che studio, eppure persino così qualcuno si è accorto di me..
Ricevere una card, un invito o un buono mi ha regalato gioia!
Trasparenza, relazioni pulite e sane, di certo sono una carta vincente…
Ora di certo, mi hai stimolato, fisserò di certo degli obiettivi per il nuovo anno. Grazie.

Invia il messaggio

error: Content is protected !!